Il video amatoriale va in scena e sono risate amare. Zachary Oberzan a Spielart con Your Brother, Remember?

Your brother, remember? è la frase del film Kickboxer con Jean-Paul Van Damme che dà il titolo del lavoro di Zachary Oberzan visto al Spielart Festival il 2 dicembre scorso (qui la pagina dedicata nel programma).

Al di là della citazione però questo titolo fornisce anche la cornice entro cui inserire uno spettacolo costruito come un racconto biografico attraverso una drammaturgia stratificata basata sul re-enactment e sull’estetica del video amatoriale.

In scena Oberzan – con canzoni, gesti e discorsi che metteremo insieme via via che la performance si definisce – ci porta nello scenario domestico e nell’immaginario pop di due fratelli prima adolescenti e poi, vent’anni dopo, adulti che riproducono “in casa” le scene di un film blockbuster e  di uno snuff movie di culto come Faces of Death.

(Da leggere anche qui, qui e qui).

Si tratta in definitiva di un doppio re-enactment – i due fratelli adolescenti che re-interpretano i film e, vent’anni dopo, i due fratelli adulti e cambiati che re-interpretano loro stessi che re-interpretano i film – e pertanto di un lavoro sul tempo. Il tempo della performance che viene a coincidere con il tempo biografico e il diverso destino di Zack e Gator, attore uno, con problemi di droga e con l’esperienza della prigione l’altro.

La logica mediale dello spettacolo è da cogliere nell’insieme di video amatoriale, re-enactment e scene dei film originali; di video-interviste (al fratello Gator come pure un’intervista di Van Damme) e di perfomance live dove memoria e immaginario mediale passano dai film ad una hit come Video Killed the Radio Star con il testo riveduto e corretto.

Il tutto in funzione di una messa in scena a tratti esilarante in cui però si dispiega la relazione fra i due fratelli e della loro vicenda umana, in fatale e amara similitudine con la trama di Kickboxer.

A ben vedere poi è sul rapporto fra realtà e finzione e conseguentemente sui piani della rappresentazione che indaga la performance, oltre e al di là della catarsi o del lavoro di lutto che Oberzan compie per vendicare simbolicamente il fratello “finito male”.

Annunci

4 pensieri su “Il video amatoriale va in scena e sono risate amare. Zachary Oberzan a Spielart con Your Brother, Remember?

  1. Micro-finance schemes for self-employment, by commercial banks
    and other institutions such as the Small Business
    Finance Corporation (SBFC) and the Pakistan Poverty Alleviation Fund (PPAF)
    are considered pivotal for creation of opportunities for educated youth since employment prospects have significantly worsened.
    When sending a goodwill letter your target is
    to touch on key details like:Letting them know you are sorry
    for the late cost, and stay absent from confrontational,
    threatening language. glichst viele Kreditangebote und Konditionen verglichen werden k.

  2. A fascinating discussion is worth comment. I do believe that
    you should publish more about this topic, it might not be a taboo
    subject but generally people do not discuss such issues.

    To the next! Cheers!!

  3. That is certainly a very good site, many thanks with this.
    I would that will the search engines designed for quite a few a
    lot of time to seek out this position.
    I loathe when each and every time I actually
    the search engines to get posts for you to investigation I personally
    generally come across unproductive content in addition to significantly
    spam.
    A person needless to say just take caution
    connected with most of the trash together with support your internet site distinct together with high-quality.
    Do you have got techniques for mine site?

  4. super! i’m so glad that if found your page I will be saving this for later!
    – real estate glossary is an interest of mine and and your “Il video amatoriale va in scena e sono risate amare. Zachary Oberzan a Spielart con Your Brother, Remember? | L’incertezza creativa” article is definately great
    work.
    keep up the great work, I’ll check back again very soon!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...