Forme becere dell’immaginario (7).

Torna a grande richiesta (mia, nonostante l’invito a evitare post seriali) la serie appunto dedicata alle forme becere dell’immaginario. Questa volta è il caso del calendario di Lucignolo di cui ho appreso notizia per la prima volta – mea culpa – dalla pubblicità per scaricarsi l’immagine sul telefonino.

Non avevo idea – ma si può leggere qui – che fossimo alla seconda edizione di un prodotto di successo, legato al celeberrimo programma televisivo, che ritrae, senza veli, le inviate dei serivizi. Stavolta è la volta delle Luci’s Angels una delle quali è adirittura soprannominata la “lapdancer della metropolitana” per aver girato una candid camera nei vagoni della metro di Milano. Chissà cosa faceva?! 

E che dire delle originalissime pose saffiche?

Povere Charlie’s Angels.

Advertisements

14 pensieri su “Forme becere dell’immaginario (7).

  1. Certo che, se questo è il calendario, il relativo programma dev’essere una perla di rara grazia ed eleganza. Ma non c’era già Studio aperto per queste cose? 🙂

  2. @prezzemola grazie per il commento. Temo però che la questione vada aldilà della massa verso, semplicemente, la comunicazione del desiderio che impera: quella maschilista e cioè becera. Ahinoi.
    @Gky sei troppo raffinato e la tua domanda è già la risposta.

  3. @laurag: ok la solita manfrina del calendario con donnine nude, ecc.. ma questo pare proprio brutto di suo! Per quanto logica maschilista e quanto mai da sdoganare.. ce ne sono anche di ben fatti, nel senso che oltre il nudo o mezzo nudo, c’è anche una forma di bella creazione guardabile.

    @gky: eh ma loro son furbi, come le società creano delle gemelle immobiliari o solo gestionali, per pagare meno tasse.. così loro, si dislocano in più tronconi di modo da coprire tuuuuutta l’ipotetica programmazione giornaliera, così che risulti impossibile per il povero telespettatore evitarli (telecomando a parte of course)

  4. laurag: grazie, posso continuare a guardare Studio Aperto, allora 🙂

    prezzemolo: come le sigarette: scatola diversa, sempre la stessa roba, butti giù schifezze che ti mangiano il cervello; però niente femmine discinte sul pacchetto, al massimo cammelli nudi. Uhm… Bisogna fare un calendario di cammelli per fumatori.

  5. @gky: non ti priverei mai di Studio Aperto!
    @prezzemola, ma anche @gky: mi fa piacere che l’argomento vi stimoli (pure i cammelli adesso) ma quello che cerco di mettere qui non riguarda solo le mie rivendicazioni simil-femministe.
    Però vedi @prezzemola anche tu le chiami “donnine” e sono convinta anche io che il calendario Pirelli sia un “bel” prodotto. Si tratta però di ulteriori esempi di quell’immaginario e di quei modi di funzionare dell’industria culturale che usano l’erotismo come leve comunicativo. E fin qui che dire? Sta di fatto però che il corpo, e quello delle donne in particolare, è fatto oggetto, forma senza contenuto che legittima la violenza simbolica e non. A me questo non va giù.

  6. Studio Aperto lo guardo solo dentro Blob; preso da solo è troppo berlusconizzante (che brutto avverbio!). Per l’erotismo cammellato c’è youtube, ma forse è un po’ troppo spinto.

  7. A me solo sentire la parola “donnine” mi infiamma(dalla rabbia)…figuriamoci se dovessi commentare il tutto…Però(nervoso a parte)sono contenta quando trovo qualcuno che si infuria come me.

  8. “Sta di fatto però che il corpo, e quello delle donne in particolare, è fatto oggetto, forma senza contenuto che legittima la violenza simbolica e non”
    sono gli stralci della nostra cultura, che si andando avanti.. ma se ancora stiamo qui a parlare e ci sono le “donnine”… vuol dire che non ci siam poi sdoganati più di tanto.

    Sulla diversa oggettivazione del corpo maschile e femminile che dire?

  9. * che si STA andando avanti..

    @laurag: è agosto, e sotto l’ombrellone da che mondo e mondo si parla della cellulite della vicina, delle pessime copertine dei giornali e del peggio di Lucignolo 😀

  10. ti amoooooooooo!!!!!!!!!!! c’hai delle poppe da sogno manco vanessa hundger(k ho visto con i miei occhi dal vivo)c’ha delle tette così belle e grosse ed una patata senza peli cm la tua…la sua è pelosa io l’ho toccata!!!!!!!!!!!!!!! se sapessi il tuo nome ti direi subito se vuoi fare sesso con me!!!!!!!!!!! a bona!!!!!!!!!!!!!! ps:sn specializzato in osservazione delle tette ne ho vista almeno 500!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...