Ho scoperto giocando? Le mie memorie del SL Discovery Game

Ebbene sì, c’ero anch’io alla “caccia al tesoro” organizzata per i principianti-newbie di SL. Basta leggere sul sito e sul blog dell’unAcademy per farsi un’idea delle impressioni del gruppo che ha partecipato al gioco. Per quanto mi riguarda, sempre tenendo conto che per me si tratta sempre di stare sulla soglia fra il partecipare e il cercare di capire le cose della comunicazione, l’esperienza si è caratterizzata per almeno un paio di dimensioni che poi si connettono.

La prima è quella della sfida personale: più con se stessi che con gli altri, visti più che altro dei come compagni di avventura. La dinamica di condivisione, anche della paura di fare la figura degli imbranati, si sostanzia nella dinamica delle comunicazioni: in IM, private con alcuni, pubbliche con tutti gli altri, poi con gli helper (grazie a Mae ma anche a Joannes). Come dire: fare la spola fra delocalizzazione e rilocalizzazione.

Se il gioco – quel gioco – è una forma di socializzazione ad un ambiente, questo processo richiede di non essere da soli, non sempre almeno, perché c’è un meccanismo performativo in atto che assomiglia molto a un rito di passaggio. Serve uno sciamano, un conduttore del gioco, e noi l’avevamo, comporta delle fasi di separazione (di allontanamento dalla nostra base, la UA, di passaggio nel limen del teletrasporto verso luoghi sconosciuti), il superamento degli ostacoli (cercare le cose, i fantomatici freebie, imparare ad aprire scatole – sembra facile! – vestirsi, ecc.), per poi tornare, reintegrarsi, ritrovare gli altri. Finalmente.  Ha ragione Huizinga: il gioco è una cosa seria.

L’altra dimensione riguarda il reale attraversamento degli spazi, cioè l’immersione, ma anche le difficoltà di movimento che ho sentito veramente come fisiche, insieme a certi blocchi della comunicazione (forse dovuti alla connessione) che mi hanno disturbato parecchio ma che mi sembra confermino, appunto, la qualità immersiva di SL.

Infine, allora le dimensioni sono tre, c’è l’apprendimento attraverso il “fare”. Divertente sì, ma che di certo non va a scapito della dinamica di osservazione di secondo ordine che innesca.

Ogni tanto ho ceduto e invece di concentrarmi sul gioco per imparare ho fatto delle mosse solo per vincere, o meglio per dimostrare che ce la potevo fare. Ma il conduttore del gioco non me le ha passate. E io ho perso.

Advertisements

5 pensieri su “Ho scoperto giocando? Le mie memorie del SL Discovery Game

  1. Concordo sul fatto che il gioco giocato su SL abbia avuto la duplice natura di dinamica di apprendimento e di rito di passaggio.

    La natura collettiva, la guida “sciamanica”, la ricerca negli ambienti tra movimento e pensiero… si è trattato di un rito collettivo di passaggio la cui natura antroplogica mi sembra molto esplicita.

  2. Non sono convinta per niente che si tratti di un rito di passaggio. Non mi pare ci sia una trasformazione antropologica in gioco. Che ci sia un gioco al rito di passaggio, magari. Ma niente di più. Eventualmente si prende consapevolezza di un mutamento in atto, che non ha luogo in second life, ma nella primissima life.
    Comunque io faccio la mia finta iniziazione la prossima volta, il 14 novembre, perchè credo che mi divertirò da matti. E poi, da ariete competitivo, spero di vincere (ma dubito).

  3. Invece penso che la questione che abbiamo di fronte, appunto perchè ha a che fare con la comunicazione tecnologica, sia di ordine antropologico. Il rito di passaggio c’è, nelle forme liminoidi dello svago, certamente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...